• ARIOSTO
  • ARIOSTO
  • ARIOSTO

Ariosto: sapienza dell'uomo e natura generosa.

Quadro

Siamo alla fine degli anni 50, nelle campagne della provincia di Reggio Emilia. Il passaparola tra gli avventori di un ristorante specializzato in carni arrostite fa rapidamente crescere la sua fama: i clienti sono sempre più entusiasti. Ma qual è il segreto? È la particolare miscela di erbe con cui il cuoco insaporisce le carni: una preparazione tipica di quelle terre denominata "consa"a base di aglio, rosmarino, salvia e altre erbe aromatiche finemente tritate. Il ristoratore, alla fine del pasto, ha anche la buona abitudine di offrire ai propri clienti un piccolo omaggio, una porzione di quel delizioso preparato che dà un sapore unico ai suoi piatti.

 

Display

Questa iniziativa ha un tale successo da incoraggiarlo ad avviare una piccola produzione artigianale del prodotto e a commercializzarlo con il nome di Ariosto, sia perché lì vicino c'è la casa natale del poeta Ludovico Ariosto che per l'assonanza con la parola arrosto, la pietanza da cui tutto ha avuto origine.

Negli anni successivi grazie all'opera di Marco Gozzi l'azienda Ariosto Spa sviluppa la diffusione del marchio a livello nazionale e poi anche in numerosi paesi nel mondo, ampliando la gamma dei prodotti mantenendo, nonostante il passare del tempo, la stessa sapiente genuinità di allora.

Oggi, infatti, i nostri preparati vengono ancora realizzati in maniera artigianale utilizzando le ricette originali con materie prime certificate e i più rigorosi controlli igienico-sanitari.

Se ancora ai giorni nostri portiamo a tavola piatti così ricchi di sapore e di aromi invitanti lo dobbiamo alla sapienza di un cuoco emiliano e alla generosità della natura, i veri "genitori" di Ariosto, il più amato insaporitore di chi vuol dare quel "tocco" in più alle proprie pietanze.